Decreto dignità sul lavoro a tempo determinato

 

Decreto Di Maio: al lavoratore a tempo determinato manca ancora la dignità

Allo jobs act per rendere appetibile alle imprese, tenuto dell’abolizione art.18 licenziamenti per giusta causa, mancava quanto fece la Thatcher e vale a dire rendere al datore di lavoro più costoso il dipendente a  tempo determinato di quello a tempo indeterminato.  In tema di lavoro al lavoratore a tempo determinato manca ancora la dignità  per non avere accesso al credito bancario e che significa: Homo sine pecunia imago mortis. Peccato per il  tanto fumo e poco arrosto!

 

Autore: wp_1401834

Notizie biografiche sulla pagina del sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *